Project Description

La pulizia del materasso è un’operazione tanto importante quanto sottovalutata. Ogni giorno passiamo almeno 6 ore a letto, e il materasso diventa sistematicamente il luogo dove tendono ad accumularsi batteri.

Anche per effetto dell’umidità e del calore del nostro corpo, si crea un ambiente favorevole alla proliferazione degli acari della polvere, invisibili a occhio nudo, ma particolarmente dannosi per la salute dell’uomo perché possono diventare causa di allergie e dermatiti. Esistono diversi sistemi per pulire il materasso ed eliminare gli acari, con l’aiuto della pulizia a vapore e dell’aspirazione o di altri rimedi naturali.

Scopriamo insieme come fare.

PULIZIA DEL MATERASSO: Perché farla spesso?

La pulizia a vapore e aspirazione sono un aiuto davvero prezioso per lavare, pulire e igienizzare una gran quantità di superfici. La pulizia del materasso, tuttavia, viene spesso trascurata. Soprattutto quando si è in presenza di soggetti allergici, ci sono operazioni che dovrebbero essere eseguite regolarmente e quotidianamente.

Ecco alcuni consigli per prevenire la formazione di acari nel materasso:

– Non rifare il letto immediatamente: Il calore del corpo crea umidità che favorisce la proliferazione degli acari; meglio lasciar sempre arieggiare facendo entrare aria e luce solare prima di rifare il letto;
– Lasciare prendere aria al materasso frequentemente, esponendolo (se è possibile) al sole;
– Cambiare le lenzuola almeno una volta a settimana;
– Lavare frequentemente coprimaterasso e coprifedera ad alte temperature;
– Acquistare un materasso sfoderabile, per facilitare le operazioni di pulizia.

Sono operazioni fondamentali, da applicare con regolarità, ma purtroppo non sono sufficienti. Con l’aiuto un aspirapolvere specifico o, ancor meglio, un pulitore a vapore è possibile ottenere risultati ottimali anche per chi soffre di allergie.

Come eliminare gli acari dal materasso con la pulizia a vapore e l’aspirazione?

Come accennato, esistono diversi sistemi e rimedi naturali per pulire il materasso dagli acari. In tutti i casi, però, l’aspirazione risulta sempre un’operazione fondamentale per un miglior risultato. Un primo sistema per eliminare gli acari del materasso prevede l’uso del bicarbonato, un potente rimedio anche contro le uova. Pulire il materasso con il bicarbonato è semplice: basta cospargere la superficie con la polvere di bicarbonato e lasciare agire per almeno due ore; trascorso questo tempo, completerai la pulizia del materasso con l’aspirapolvere a vapore o tradizionale per rimuovere tutti i residui.

Un altro rimedio naturale contro gli acari che si annidano nel materasso prevede un trattamento a base di olio di Eucalipto o di Tea Tree Oil. Si tratta di due potenti repellenti naturali che possono essere vaporizzati sul materasso oppure usati su di un panno umido da strofinare sul materasso. Quando sarà completamente superfici asciutte, potrai terminare con la pulizia a vapore e l’aspirazione.

Se i rimedi casalinghi non ti convincono, puoi scegliere l’azione igienizzante di un pulitore a vapore con aspirazione, che ti permetta di aspirare polvere e altri microorganismi; con l’azione combinata del vapore e la funzione aspirante, puoi eliminare gli acari e assorbire al tempo stesso l’umidità in eccesso. Con un aspirapolvere a vapore puoi ottenere migliori risultati anche per chi soffre di allergie, senza sforzi e in minor tempo.

RINNOVIAMO MATERASSI E CUSCINI:

Cambiare i vecchi materassi e guanciali è il primo importante rimedio da adottare, questo perché, nonostante le nostre buone attenzioni, con il passare degli anni la presenza di polvere e acari aumenta in modo esponenziale. Ogni notte il nostro corpo espelle fino a ½ litro di sudore e altri umori. Ogni notte perdiamo circa un grammo e mezzo di pelle (desquamazione del cuoio capelluto, ricambio della cute). In circa 5 anni, nel nostro materasso si accumulano più di 150 grammi di polvere. Inoltre, l’esperta in salute ambientale Lisa Ackerley stima che il peso di un cuscino, vecchio di appena 2 anni, sia composto per il 10% da pelle morta, polvere e acari. Il consiglio dunque è quello di cambiare materasso almeno ogni 7 anni, mentre per il guanciale è bene non arrivare a 2.

EDUCARE I PROPRI ANIMALI DOMESTICI:

Gli animali domestici, come cani o gatti, perdendo pelo e altre componenti organiche, contribuiscono all’aumento e alla presenza degli acari. Una buona soluzione è quindi quella di abituarli a non soggiornare o dormire nella nostra stanza da letto.